Controllo dei principali parassiti e patogeni

L'assistenza alle aziende è volta, inoltre, a ricercare e far conoscere agli operatori le principali avversità dell'olivo ed a suggerire efficaci metodi di lotta rispettosi dei fragili equilibri ambientali.

Lotta alle crittogame dell'olivo

L'Occhio di Pavone è il principale patogeno dell'oliveto soprattutto nelle aree freddo-umide caratteristiche dei nostri laghi. La lotta si attua applicando corrette potature e concimazioni azotate equilibrate in modo da evitare eccessivi rigogli vegetativi. Molto importanti, inoltre, sono i trattamenti con prodotti a base di Rame, da effettuarsi in autunno dopo la raccolta ed in primavera dopo la potatura. I trattamenti autunnali proteggono in un certo senso la pianta contro le gelate, grazie all'indurimento dei tessuti vegetali provocato dal Rame, quelli primaverili sono utili per disinfettare i tagli di potatura e le eventuali ferite da grandine limitando il propagarsi della Rogna. Inoltre si consiglia un ulteriore trattamento in agosto in caso di piogge persistenti.

Lotta alla Mosca delle olive

Il danno provocato da Mosca è chiaramente il più pericoloso tra quelli causati dagli insetti dannosi all'olivo, poiché il bersaglio colpito è l'oliva. Occorre quindi effettuare un accurato monitoraggio al fine di bloccare, tramite un'efficace lotta, l'infestazione prima che si verifichi il danno stesso. Per questo si ricorre alle trappole per il monitoraggio della Bactrocera oleae; si tratta di trappole cromotropiche dalla superficie invischiata, innescate con il feromone sessuale femminile ed eventualmente un fagoattrattivo. Per il collocamento delle trappole si scelgono, per ogni lago, delle postazioni significative in modo da monitorare soddisfacentemente le aree a più alto rischio. I controlli sono eseguiti con cadenza settimanale ma, visto che non esiste una buona correlazione tra catture ed entità del danno sulle olive, per decidere il momento cui intervenire con il trattamento, bisogna effettuare anche le dissezioni delle drupe, quando iniziano a perdere la pruina, per rilevare l'eventuale presenza di punture fertili superanti la soglia di intervento (8-10 punture fertili ogni 100 olive prelevate casualmente). Al superamento della soglia di danno, che in genere si verifica fra la prima settimana di settembre ed i primi di ottobre a seconda delle zone, si consiglia un trattamento con prodotti a base di Dimetoato, sia diramando la notizia sui principali organi d'informazione locali e bollettini provinciali, sia avvertendo tramite lettera o SMS tutti i soci delle zone a rischio, in modo che anche le aziende non direttamente controllate eseguano tempestivamente l'intervento.

Lotta alla Cocciniglia Mezzo Grano di Pepe

I danni provocati da questo Coccide consistono nella sottrazione di linfa, nell'imbrattamento di rami e foglie, con conseguente sviluppo della fumaggine che rivestendo le foglie di una "polvere" nera, ne limita la capacità fotosintetica. I fattori che favoriscono lo sviluppo dell'insetto sono tipicamente l'elevata umidità relativa e la fittezza della vegetazione, uniti ad una temperatura non troppo rigida. Si consiglia il trattamento al superamento della soglia di danno fissata quando sono presenti 5-10 neanidi foglia e si ripete dopo 2-3 settimane, siccome generalmente la nascita delle neanidi è scalare.

L'Associazione, in collaborazione di Enti ed Istituzioni, effettua inoltre varie prove sperimentali dedicate a studiare prodotti nuovi o alternativi a quelli chimici per contenere le principali avversità.



Con il contributo di:


LINK UTILI


www.unaprol.it



www.oliogardadop.it



MAPPA DEL SITO

HOME PAGE

CHI SIAMO

ORGANIGRAMMA

DOVE SIAMO

ATTIVITA' E SERVIZI

BOLLETTINI

NEWS

CONTATTI



P.Iva: 03306740170
Copyright(C) 2009 APIS TENET
Privacy e Cookie